PRIGIUNIERO 'E GUERRA
(Manlio, E. A. Mario)

Mme sóngo ricurdato 'a strada e 'o nummero
e aggio truvato 'a porta comm'a quanno,
da 'o lunnerì a matina fin'ô sabato,
passavo 'e ssettimane faticanno.

Felicitá ca mm'aspettave â sera,
duje figlie piccerille, na mugliera.
Mo só' sagliuto, e invece, aggio truvato
vicino â porta, scritto 'o nomme 'e n'ato.

E mme só' 'ntiso 'e dicere:
"Chella ca vuje cercate nun sta ccà,
ca rimanette vedova,
ma doppo, s'è turnata a 'mmaretà".

E io sóngo 'o muorto ch'è turnato a nascere,
no 'o priggiuniero asciuto a libertà.

Ah, comme ce tenive a restà vedova
tu ca dicive: 'Ammore, quann'è ammore,
dura n'eternità, cchiù forte 'e ll'edera.
Nemmeno 'a morte spartarrà sti core".

E invece 'a guerra è stata assaje cchiù forte.
'A guerra è stata, è stata pe'mmé 'a morte.
St'ammore ch'era eterno, ll'ha spezzato,
mo i' só' n'estraneo e tu 'a mugliera 'e n'ato.

Meglio a restà in Siberia,
senza sapé ch'era succieso ccà.
Desideravo Napule
e nu penziero mme diceva va'.

E só' turnato a dì: "Io mo só' libero".
Ma a che mme giova chesta libertà.

No! 'Nnanz'ê figlie mieje tu nun hê 'a chiagnere,
se pò accuncià stu fatto e sacc'io comme.
Ll'ommo songh'i', songh'io ca mme sacrifico,
ll'ommo ch'ha perzo tutto, 'a casa e 'o nomme.

Io te ringrazio ca, restanno sola,
te si' privata e ll'hê mannate â scola
e quanno ancora te si' 'mmaretata,
si' stata ancora mamma affezionata.

Si lloro te dicessero:
"Fance cuntente, pàrlace 'e papà"
dincello: "Era nu giovane
ca maje nun se stancava 'e faticà.

Po' jette 'nguerra e nun turnaje cchiù a Napule".
Di' 'sta buscìa ch'è cchiù d' 'a verità.

Da ogge in avanti, chesto ce 'o ppuó' dicere,
ca ll'ombra mia risponne: "E' verità".