Arthur Rimbaud, poeta francese

Arthur Rimbaud

(Charleville 1854 - Marsiglia 1891)

Poeta francese

 

Arthur Rimbaud pu˛ essere considerato uno dei padri della poesia moderna. La sua vita avventurosa e "maledetta" lo port˛ a bruciare ogni ispirazione poetica all'etÓ di soli 19 anni: ma nel breve corso della sua adolescenza lasci˛ la testimonianza di una poesia totalmente nuova.

Con l'opera di Rimbaud la parola varca, forse per la prima volta, il limite del suono e del segno scritto per entrare nell'inesplorato mondo dell'inconscio e del sogno, dove i sensi liberati partecipano alla costruzione di una nuova, terribile e paradisiaca al tempo stesso, realtÓ.

Tutta l'opera poetica di Rimbaud fu composta durante l'adolescenza.

Condannando i poeti che l'avevano preceduto, salvo poche eccezioni tra cui Charles Baudelaire, che egli definý il "primo veggente" ma del quale criticava la mancanza di audacia formale, Rimbaud si proponeva di afferrare l'essenza del reale attraverso un metodo preciso che espresse giÓ nel 1871 nella famosa Lettera del veggente indirizzata a Georges Izambard, suo professore di retorica: per Rimbaud, l'autentica luciditÓ, prerogativa del poeta veggente, pu˛ essere raggiunta soltanto superando i limiti imposti dalla coscienza chiara delle cose attraverso un "lungo, immenso e ragionato sregolamento di tutti i sensi".

Tale procedimento, che comporta la sperimentazione di tutte le tecniche allucinatorie compresi alcol e droga, condanna il poeta a una posizione sociale di marginalitÓ ma gli evita di cadere nei luoghi comuni, nei percorsi abituali del pensiero, e gli consente di trovare la misteriosa chiave della realtÓ.

 

Vai alla Home Page del sito AL9000